Il daino e gli altri...
il capriolo
la cicogna
la lontra
il lupo



Il Daino (Dama dama) è un ungulato originario delle regioni orientali del Mediterraneo e dell'Asia minore, introdotto in Europa in epoca romana. Presente nel territorio dell'attuale Parco del Ticino già nel Settecento è poi scomparso come tutti gli altri grandi erbivori a causa del prelievo venatorio e della trasformazione degli habitat.
È tornato nella prima metà degli anni Cinquanta nella Valle del Ticino, proprio nel territorio de La Via dei Cairoli, mediante un programma di rilasci condotto presso la Riserva Naturale di San Massimo.
Ad oggi oltre cento daini popolano la Riserva e le vicine aree forestali, con contingenti e densità maggiori in quelle distribuite lungo il margine del terrazzo naturale in sponda destra del fiume ed in minore misura in quelle che seguono il corso del Ticino.
Intorno alla Riserva (Gropello Cairoli), dove e quando non vengono disturbati, non è raro imbattersi anche in pieno giorno in gruppi di 10/20 animali, al bordo dei boschi, lungo le strade forestali che li attraversano o a riposo nei campi, sebbene sia più facile osservarli all'imbrunire o alle prime luci dell'alba.