l'ItinerarioForeste e castelli



L'anello attraversa o lambisce importanti aree forestali della Valle del Ticino, legate sia al settore perifluviale sia al terrazzo pleisotocenico in sponda destra. Caprioli, daini, volpi, tassi, martore, cicogne bianche, aironi rossi, falchi pecchiaioli e nibbi bruni insieme a centinaia di altre specie animali e vegetali, molte delle quali minacciate a livello continentale, frequentano l'area. Quattro sono gli abitati e altrettanto i castelli;numerose sono inoltre le chiese e le edicole votive che si incontrano anche in aperta campagna o al margine dei boschi. Il cicloitinerario, che si sovrappone parzialmente con la Via Francigena e con le Vie Verdi, non è ancora attrezzato con apposita segnaletica.

La scheda

Partenza e arrivo: Gropello Cairoli, Parcheggio del campo sportivo comunale
Lunghezza totale: circa 42 km
Percorribilità: biciclette ibride o mountain bike
Difficoltà: facile
Ciclabilità: 100%
Strada asfaltata extraurbana a traffico misto: km 11
Strada sterrata a traffico misto: km 19,3
Strada asfaltata urbana a traffico misto: km 7
Strada sterrata a fianco di un canale privo di protezioni: km 4,100
Corsia ciclabile su tratto urbano: km 1,000

Come arrivare al punto di partenza:
in bici, da Pavia con La Via dei Cairoli o da nord con le Vie Verdi
in treno, da Pavia o da Mortara con Treno+bici, Stazione di Gropello Cairoli 
in auto, con la ex S.S. dei Cairoli oppure con l'A7 (uscita Gropello Cairoli)

SCARICA IL ROAD BOOK E LA MAPPA
SCARICA IL FILE .KMZ PER VISUALIZZARE IL PERCORSO SU GOOGLE EARTH

Attenzione: il cicloitinerario consigliato è un itinerario sostanzialmente non classificato che si svolge su strade la cui qualità ciclistica non è assicurata e/o documentabile o comunque con un grado di protezione basso o inesistente (Pedroni, 2007).
Le tracce GPS, le mappe, il presente roadbook e le altre descrizioni dei percorsi possono contenere errori dovuti agli strumenti utilizzati, oppure alle modalità di rilevo o tracciatura. Le condizioni dei percorsi possono cambiare nel tempo anche in modo significativo, a causa dello sviluppo della vegetazione, di problemi di dissesto idrogeologico, di lavori stradali o per altre ragioni. È inoltre possibile che gli itinerari interessino proprietà private o tratti potenzialmente pericolosi per la presenza di traffico veicolare o per rischi di cadute accidentali (ad esempio canali privi di protezioni, tratti esposti lungo l'argine del fiume, ecc.).
L'Associazione Uomo e Territorio Pro Natura, pur essendo impegnata a segnalare eventuali interventi migliorativi ai soggetti gestori dei diversi tratti dei cicloitinerari consigliati, invita chiunque utilizzi le tracce, le mappe e i roadbook a prestare la massima attenzione nell'utilizzo di tali informazioni, tenendo anche conto delle proprie reali capacità fisiche e delle condizioni meteorologiche, verificando il proprio equipaggiamento e rispettando sempre il codice della strada e la segnaletica sul campo.
Seguendo le informazioni relative al cicloitinerario consigliato, l'utente esonera in ogni caso l'Associazione Uomo e Territorio Pro Natura da qualsiasi responsabilità.